I Pesci

Le specie ittiche della costa dei trabocchi

Alice

Pesce pelagico che può raggiungere al massimo 15 cm di lunghezza. Specie che si confonde con le sardine per l’aspetto e le dimensioni, tuttavia si distingue per una diversa conformazione del capo che ha un muso più prominente.

Fondamentalmente è una specie migratoria che si muove in banchi. Il corpo è ricoperto da squame iridescenti e ciò caratterizza il banco quando si muove in superficie. Nei periodi caldi si avvicina in corposi branchi alla costa attratta dall’abbondanza di plancton di cui si nutre. Il periodo di riproduzione avviene tra maggio e settembre. Ogni esemplare adulto femmina può rilasciare fino a 30.000 – 40.000 uova.

Energia 96 Kcal

Omega-6 0,01 g

Proteine 16,8 g

Calcio 148 mg

Lipidi 2,6 g

Fosforo 196 mg

Omega-3 0,8 g

Nasello

Il merluzzo, chiamato anche nasello, lo si identifica per un corpo alquanto affilato, col dorso di colore grigio scuro e dai lati e dal ventre di colore argentato. Altra caratteristica peculiare è rappresentata dalla bocca con denti aguzzi, simili a quelli dei predatori, e dalla mascella inferiore più pronunciata di quella superiore. La seconda pinna dorsale è la più distinta.

Vive a profondità elevate (da 100 metri e oltre), in Adriatico il loro habitat naturale è presso la fossa del Pomo. La riproduzione si ha tutto l’anno in acque profonde, con un picco nei mesi invernali. Un esemplare adulto femmina può produrre fino a nove milioni di uova. Dalle uova si sviluppano le larve. I giovanili, in primavera, migrano verso la costa dove trovano condizioni di vita più favorevoli per l’accrescimento. Raggiunta la maturità sessuale (lunghezza superiore ai 25 cm) ritornano in acque più profonde. Il merluzzo ha una durata di vita che va dai venti ai trenta anni e può superare i 100 cm di lunghezza e raggiungere un peso di 15 kg.

Energia 71 Kcal

Omega-6 0,01 g

Proteine 17,0 g

Calcio 25 mg

Lipidi 0,3 g

Fosforo 194 mg

Omega-3 0,11 g

Cefalo

Il cefalo o muggine presenta un dorso di colore grigio scuro e i fianchi argentei con nette strisce longitudinali nerastre. Il corpo è alquanto robusto con molte squame e si distingue per una macchia scura alla base delle pinne pettorali.

Il cefalo è un tipico pesce litorale che va alla ricerca del cibo in gruppo in vicinanza dei fiumi e sbocchi di corsi d’acqua. Si nutre di molluschi, crostacei, di alghe e di detrito organico. Può raggiungere i 70 cm di lunghezza e un peso di 3-4 kg. Si riproduce in estate.

Energia 127 Kcal

Omega-6 0,78 g

Proteine 15,8 g

Calcio 26 mg

Lipidi 6,8 g

Fosforo 220 mg

Omega-3 1,28 g

Spigola

La spigola, chiamata anche branzino o pesce lupo, appartiene alla famiglia Serranidae e si distingue dai cefali per il taglio della bocca che arriva all’altezza dell’occhio e per le due pinne dorsali che sono poste vicine tra loro.

Trattasi di un pesce predatore a cui piace pattugliare da solo o in gruppo lungo la costa rocciosa rimanendo nella stessa zona per mesi. Si ciba di piccoli pesci e di crostacei. Può raggiungere il metro di lunghezza e un peso di 10 chili. Il periodo riproduttivo va da gennaio a marzo.

Energia 82 Kcal

Omega-6 0,05 g

Proteine 16,5 g

Calcio 20 mg

Lipidi 1,5 g

Fosforo 202 mg

Omega-3 0,3 g

Triglia

La triglia di scoglio presenta una testa corta e convessa, bocca protrattile con mascella superiore senza denti, e mandibola inferiore con due barbigli. Ha due pinne dorsali distanti tra loro e una codale con due lobi marcati. La colorazione è variabile, l’inconfondibile colore rosso segnala uno stato di difesa o di stress che si evidenzia anche dopo la cattura.

Specie bentonica predilige le coste rocciose e le praterie marine, fino a una profondità di 400 metri, nutrendosi di piccoli invertebrati. Dopo il periodo riproduttivo, i giovanili migrano in sciami verso la costa dove trovano abbondanza di cibo. Può raggiungere la taglia massima di 40 cm. Nei nostri mari, oltre alla triglia di fango (Mullus barbatus) che si distingue per un diverso profilo del capo, più arrotondato. Vive su fondali fango-sabbiosi fino a una profondità di 300 metri.

Energia 123 Kcal

Omega-6 0,1 g

Proteine 20,8 g

Calcio 33 mg

Lipidi 4,5 g

Fosforo 215 mg

Omega-3 1,67 g

Sogliola

La Solea vulgaris è la sogliola comune dal corpo ovale, estremamente piatto, con gli occhi entrambi da un lato e la bocca terminale. La colorazione è bruno grigia o bruno rossastra sul lato oculare e biancastra sul lato cieco. Presenta una macchia nera in prossimità delle pinne pettorali.

Vive su fondi misti di sabbia e fango, dove di giorno vi si immerge per mimetizzarsi al fine di evitare i predatori. Di notte va a caccia delle sue prede, invertebrati e pesci. Nel periodo giovanile predilige vivere nei pressi delle foci dei fiumi o all’interno delle lagune. Si riproduce nei mesi invernali, periodo in cui si spinge anche a profondità superiori ai 100 metri. Può raggiungere dimensioni di 45-50 cm di lunghezza.

Energia 83 Kcal

Omega-6 0,18 g

Proteine 16,9 g

Calcio 12 mg

Lipidi 1,4 g

Fosforo 195 mg

Omega-3 0,61 g

Orata

L’orata si distingue dalle altre specie della famiglia Sparidae per il corpo ovale e appiattito, con una fascia color oro sulla testa e una macchia scura in prossimità dell’opercolo. La del dorso è grigia, mentre i fianchi, di colore argento, presentano sottili linee nere alternate ad altre di colore giallo.

L’orata vive in piccoli branchi lungo la fascia costiera. Predilige fondi sabbiosi o praterie marine dove si nutre di crostacei e molluschi. E’ un pesce ermafrodita poderandrico, le femmine sono gli esemplari più grossi. La taglia massima può raggiungere i 70 cm di lunghezza.

Energia 121 Kcal

Omega-6 0,3 g

Proteine 20,7 g

Calcio n.d.

Lipidi 3,8 g

Fosforo n.d.

Omega-3 0,68 g

Sardina

La sardina appartiene alla famiglia Cupeidae. Si distingue per un corpo affusolato e compresso, di colorazione blu verdastra. La bocca presenta una mascella inferiore più pronunciata di quella superiore, ha una sola pinna dorsale e la coda è biliosa. Specie pelagica, migratrice e che predilige vivere in sciami fino a una profondità di 200 metri. Si nutre principalmente di fitoplancton e zooplancton.

La riproduzione può avvenire tutto l’anno con punte massime nel periodo invernale. Durante la riproduzione si avvicina alla costa e sciama in superficie. Ogni femmina può rilasciare da 50.000 a 80.000 uova. Le larve delle sardine e delle acciughe costituiscono il “bianchetto”.

Energia 129 Kcal

Omega-6 0,1 g

Proteine 20,8 g

Calcio 33 mg

Lipidi 4,5 g

Fosforo 215 mg

Omega-3 1,67 g

Polpo

Il polpo è un cefalopode dibranchiato, caratterizzato da due branchie e otto tentacoli e da totale assenza di conchiglia e mantello. Specie bentonica che vive in tutti gli ambienti marini, prediligendo il fondo, fino a 200 metri di profondità.

Grazie ai cromatofori, cellule dell’epidermide, riesce a mimetizzarsi con i colori dell’ambiente in cui si trova. Noto anche per la capacità di poter compiere veloci scatti e rilasciare uno spruzzo di inchiostro per difendersi da eventuali predatori.

Energia 57 Kcal

Omega-6 0,0 g

Proteine 10,6 g

Calcio 144 mg

Lipidi 1,0 g

Fosforo 189 mg

Omega-3 0,4 g

Calamaro

Mollusco cefalopode caratterizzato dal corpo a forma di sacco più o meno allungato. Di corore rosa violaceo, il mantello presenta punti più scuri bruno rossicci. Il calamaro ha una lunghezza attorno ai 15 cm, ma può raggiungere misure superiori ai 30 cm.

E’ facile confondere il calamaro con il totano, ma nel calamaro si distinguono due larghe pinne che coprono quasi tutto il mantello. Utilizza le ventose dei suoi tentacoli per catturare le prede. E’ una specie pelagica che vive normalmente ad una profondità tra 20 e 100 metri, tuttavia può essere osservata in vicinanza delle acque costiere nei periodi estivi ed autunnali della riproduzione.

Energia 68 Kcal

Omega-6 0,0 g

Proteine 12,6 g

Calcio 144 mg

Lipidi 1,7 g

Fosforo 189 mg

Omega-3 0,4 g

Sgombro

Lo sgombro ha un corpo siluriforme, squamoso, di colore verde argenteo con linee trasversali irregolari nerastre. Ha le due pinne dorsali molto separate e sul peduncolo codale presenta cinque pinnule dorsali e ventrali. E’ caratterizzato anche dal muso appuntito e da una forma adiposa trasparente che circonda gli occhi.

Specie pelagica e gregaria, vive in densi sciami e compie migrazioni stagionali. Predilige cacciare da solo. Si nutre in primavera di crostacei platonici, mentre dopo la riproduzione di piccoli pesci, principalmente di sardine. Per la riproduzione si avvicina alla costa, durante il periodo riproduttivo non mangia e rilascia le uova in estate. Può raggiungere i 50 cm di lunghezza.

Energia 170 Kcal

Omega-6 0,32 g

Proteine 10,0 g

Calcio 38 mg

Lipidi 11,1 g

Fosforo 264 mg

Omega-3 2,14 g

Suro

Il suro o sugherello presenta un corpo allungato e compresso. Specie caratterizzata da una macchia nera all’altezza dell’opercolo e da una linea laterale curvata, mediamente al centro, con scudetti ossei nella metà posteriore. Il peduncolo codale è molto carenato e la relativa pinna è biloba. La colorazione del dorso è verde-bluastra, mentre i fianchi sono di colore argenteo.

E’ una specie molto presente in Mediterraneo, vive in banchi preferendo acque profonde da 50 a 500 metri. I giovani vivono nei primi mesi di vita tra le meduse per proteggersi dai predatori. Specie carnivora, si nutre di pesci e crostacei. Si riproducono nell’intero arco annuale e possono raggiungere dimensioni fino a 40 cm di lunghezza.

Energia 140 Kcal

Omega-6 0,08 g

Proteine 18,3 g

Calcio 125 mg

Lipidi 3,0 g

Fosforo 224 mg

Omega-3 0,51 g

Seppia

Cefalopode caratterizzato da un corpo (mantello) a forma ovale, circondato da una pinna, e da due braccia tentacolari e da otto tentacoli. Può raggiungere dimensioni di lunghezza fino a 30-35 cm. Presenta una conchiglia all’interno del corpo molto sviluppata che viene normalmente chiamata osso.

La seppia è nota per le sue elevate capacità mimetiche; all’interno del mantello ha una sacca colma di inchiostro che espelle in caso di pericolo.

Energia 72 Kcal

Omega-6 n.d.

Proteine 14,0 g

Calcio 27 mg

Lipidi 1,5 g

Fosforo 143 mg

Omega-3 n.d.

“Le stagioni del mare. Dalla rete al piatto” è un’iniziativa promossa dal Flag Costa dei Trabocchi in sinergia con Slow Food, Confcommercio, Confesercenti, con il coinvolgimento attivo degli  operatori della ristorazione e degli imprenditori ittici e gode della sponsorizzazione dell’azienda Codice CITRA. Volti Vini Valori.

Flag Costa dei Trabocchi S.C.A.R.L.
C.F. e P.IVA 02380540696 | Sede legale Piazza G.B. Vico 3 – 66100 Chieti
Credits: ADVMedia